top of page

Come evolverà il rapporto marketing procurement?



Abbiamo chiesto alla Chat GPT (quando circa un mese fa si poteva ancora fare) come evolverà il rapporto marketing procurement?


La risposta è stata chiara e univoca:

maggiore collaborazione ed integrazione.

L’AD di Optima, Mario Colleoni, era già convinto 25 anni fa quando è nata Optima. Al punto che il pay off di Optima è marketing friendly procurement partner. Oggi la Chat GPT ci dice che la collaborazione serve a massimizzare il valore dell’azienda.

Il valore, come sappiamo, è un frazione T/D (T=tempo; D=denaro) e, in termini di collaborazione marketing-procurement, alleggerire l’operatività e lasciare più tempo agli stakeholder per sviluppare la strategia migliora la soddisfazione dei collaboratori e i risultati di business.


Sempre la nostra C GPT sottolinea oggi le ragioni per cui questa business partnership stia diventando sempre più collaborativa:

  1. Obiettivi condivisi: es. migliorare le performance e ottenere il miglior rapporto qualità-prezzo di beni e servizi strategici che, se condivisi, guidano le funzioni verso un obiettivo comune.

  2. Scambio di informazioni: il marketing e il procurement possono condividere informazioni preziose tra loro. Es. il marketing sa quali prodotti e servizi sono necessari; il procurement conosce il mercato e i suoi trend, e i benchmark di riferimento.

  3. Digitalizzazione come facilitatrice della relazione, grazie a piattaforme e sistemi condivisi, all’aumento dell’automazione e della riduzione del risk management.

  4. Competizione più intensa: la competizione tra aziende sta diventando sempre più sofisticata ed elevata. Nella collaborazione virtuosa tra marketing e procurement si mettono a fattor comune le competenze, massimizzando il risultato e aumentando il vantaggio competitivo.

Ci sono diversi casi oggi nelle aziende a sostegno di quanto la chat ci invita sempre più a fare.

Abbiamo fatto alcune domande a Cecilia Paparella, Head of Procurement & Media Supply Chain di Editoriale Domus, ex Procurement Sourcing Partner per la multinazionale farmaceutica Roche:

Ci sono diversi casi oggi nelle aziende a sostegno di quanto la chat ci invita sempre più a fare.

Abbiamo fatto alcune domande a Cecilia Paparella, Indirect Procurement Head Editoriale Domus, ex Indirect Procurement Head Roche farmaceutici:

  • Cosa significa concentrarsi sui risultati di marketing, lasciando che gli obiettivi di risparmio siano solo una naturale conseguenza?

  • Come si riducono le mail e la trafila di approvazioni che spesso rallentano i tempi?

  • Qual è la strategia per essere più efficaci, efficienti, agili e aderenti alle esigenze degli stakeholders interni di marketing?

Se sei interessato alle risposte e ad altri approfondimenti su questi argomenti non puoi mancare il 4 maggio al nostro prossimo evento: Make it fluid!

Kommentare


bottom of page